• Home
  • Cosa ho fatto
  • Interventi inizio seduta

Violenza e devastazioni contro la cooperativa agricola ARVAIA

Arvaia è una cooperativa di cittadini e contadini nata nel febbraio del 2013 ed è la prima esperienza in Italia sul modello dei CSA, associazioni di cittadini presenti in Europa e nel mondo che si fanno attori nella produzione sostenibile di cibo. Un'esperienza di riappropriazione della terra, coltivando prodotti secondo i principi dell'agricoltura biologica e biodinamica all'interno del Parco Città Campagna di Bologna. L’esperienza si basa su una gestione partecipata della produzione agricola.

Il terreno coltivabile è di proprietà del Comune di Bologna e Arvaia ha in affidamento quaranta ettari di terra per coltivare verdure e ortaggi per i soci della cooperativa. Il progetto oltre ad una forte valenza ambientale (agricoltura biologica, biodinamica e a km 0), ha anche finalità sociali.

Violenza e devastazioni contro la cooperativa agricola ARVAIA

In questi 10 anni, da Consigliere comunale, mi sono battuto per sostenere il valore del progetto di ARVAIA, un esperienza di sviluppo economico locale che parte dal basso, partecipato, sostenibile, e che ha a riferimento non solo criteri economici, ma anche e soprattutto etici e valoriali (culturali, ambientali, sociali, etc.).

Durante questo mandato, grazie alla II Commissione, i Consiglieri comunali hanno avuto l'opportunità di visitare la cooperativa e conoscere l'esperienza e la storia di Arvaia e del Parco Città Campagna, e abbiamo imparato che attraverso la partecipazione dei cittadini è possibile fare sviluppo (sono quasi 10mila le ore di volontariato ogni anno).

Nella notte tra sabato e domenica, Animal Liberation Front (ALF) ha devastato le coltivazioni, le coperture delle serre e il sistema di irrigazione della cooperativa ARVAIA. Un'azione violenta, accompagnata da scritte intimidatorie gravissime: “Sporchi assassini … ARVAIA sporca di sangue … Attendiamo vostre notizie o torniamo”.

Leggi tutto

L'Europa deve diventare un porto sicuro per migranti e rifugiati

Il Mediterraneo è un grande cimitero, basta indifferenza”, sono le parole di Papa Francesco all'Angelus, mentre ad Augusta si svolgeva la cerimonia di accoglienza del relitto del barcone naufragato il 18 aprile 2015 nel Canale di Sicilia, che costò la vita a più di mille migranti, simbolo di tante tragedie nel Mar Mediterraneo.

Oggi, per i 410 migranti a bordo della nave di Medici senza frontiere, soccorsi in sette interventi negli ultimi giorni, la Ong chiede un porto sicuro. Tra loro donne, bambini e minori non accompagnati.

Europa porto sicuro per migranti e rifugiati

Sappiamo che in tutta l’UE vi sono città e Regioni disposte a fare di più per un effettivo ricollocamento dei richiedenti asilo, e i governi nazionali dovrebbero ascoltare le loro richieste e dimostrare che la solidarietà europea non è qualcosa di astratto. Non si tratta solo di adempiere ad un obbligo morale, ma anche di rispettare i diritti fondamentali dell'uomo.

Leggi tutto

Più armi nelle case significa meno sicurezza

Più armi nelle case significa meno sicurezzaAd Ardea, in provincia di Roma, un uomo con problemi psichici, in possesso della pistola del padre, ha ucciso due fratellini e una persona anziana, poi si è tolto la vita.

In Italia, l’Osservatorio permanente sulle armi leggere (Opal) denuncia come sia più facile essere uccisi da un legale detentore di armi che da mafia o rapinatori: dal 2017 al 2019 sono stati almeno 129 gli omicidi commessi con armi regolarmente detenute, a fronte di 91 omicidi di tipo mafioso e di 37 omicidi per furto o rapina.

Secondo i dati delle Nazioni Unite, l'Italia, dopo gli Stati Uniti, ha il triste primato di essere il primo paese del G8 per numero di omicidi commessi con arma da fuoco. La gran parte di questi omicidi avvengono in famiglia, stragi commesse da legali detentori di armi. Sono dati che dovrebbero portare all'attenzione pubblica e della politica il problema delle leggi e che regolano la detenzione di armi.

Oggi tutto si basa su una semplice autocertificazione, controfirmata dal medico curante, una breve visita presso l'Asl, simile a quella per ottenere la patente di guida, e un controllo da parte della Questura circa la “affidabilità” di chi richiede la licenza per armi. Non è prevista alcuna visita o esami tossicologici o psichici.

Inoltre, con le modifiche apportate nel 2018 dalla Lega, con il consenso del M5s, chiunque – anche chi non pratica alcuna disciplina sportiva o la caccia – può detenere tre pistole con caricatori fino a 20 colpi, 12 fucili semiautomatici e un numero illimitato di fucili da caccia. Sono norme per favorire i produttori e i rivenditori di armi.

Leggi tutto

Per favorire un passaggio generazionale, è tempo di ridistribuire la ricchezza

Ridistribuire la ricchezza
Il Segretario del Partito democratico, Enrico Letta, ha proposto di aumentare la tassa di successione per l’1% più ricco della popolazione, e di usare i proventi per introdurre misure di sostegno economico per i più giovani. L'idea è di creare una “dote” di 10 mila euro da consegnare alla metà meno abbiente dei 18enni italiani, per spese legate alla formazione e all’istruzione, per la casa o per avviare una nuova impresa.

Per finanziare questa “dote”, il Pd propone di portare al 20% l'aliquota dell’imposta di successione per le eredità da genitori a figli superiore ai 5 milioni di euro. Una proposta di tipo redistributivo, perché tassa le famiglie più ricche per trasferire i proventi alle fasce meno abbienti e più giovani della popolazione, con l'obiettivo di favorire la mobilità sociale ed evitare il consolidamento “feudale” dei patrimoni all'interno delle stesse famiglie.

Negli Stati Uniti, l'aliquota massima è del 40% e la tassazione media dei patrimoni ereditati è del 17%. Anche nella maggior parte dei paesi europei l'imposta di successione è più alta: in Francia varia dal 5 al 60%, con un valore medio del 45%. In Germania, è del 30%, nel Regno Unito del 40%. In generale, l'aliquota media dell'imposta di successione nei paesi OCSE è del 15%.

In Italia, a confronto, l’imposta di successione è bassissima. La franchigia è di 1 milione di euro e l'imposta è di appena il 4%. Per favorire un passaggio generazionale, credo giusto ridistribuire la ricchezza, un'imposta progressiva sui “vantaggi ricevuti”, accompagnata da un’eredità universale a favore dei giovani che compiono 18 anni.

Leggi tutto

Approvata la nuova Consulta comunale del verde

Comune di BolognaPer assicurare la partecipazione attiva dei cittadini nella gestione del verde pubblico e privato, abbiamo un nuovo strumento di confronto tra Enti, Associazioni, Comitati e tutti coloro che quotidianamente sono impegnati nella difesa dell’ambiente.

La Consulta del verde consentirà di creare un rapporto e una collaborazione permanente tra Comune di Bologna, Associazioni e Comitati ambientalisti, per la pianificazione, gestione, progettazione, tutela, valorizzazione e sviluppo del verde pubblico e privato in tutto il territorio comunale.

Credo importante affrontare la sfida climatica per uscire dalla crisi, e avere una economia sostenibile di lungo termine. E possiamo iniziare dalle città verdi per realizzare azioni concrete sul clima, coinvolgendo i cittadini. Nonostante le città coprano solo il 3% della superficie terrestre, sono responsabili del 75% delle emissioni di gas a effetto serra. Inoltre, le stime demografiche prevedono una rapida crescita delle città. Nel 2050, l’85% della popolazione europea vivrà in aree urbane, per cui è urgente agire ora, coinvolgendo i cittadini.

Leggi tutto

Chiude l'orchestra Mozart, l'associazione di Abbado

Associazione Mozart 14C'è un altro silenzio che fa male alla nostra città. L'Associazione Mozart 14 di Bologna ha portato la musica in carcere e negli ospedali pediatrici. Nata per volontà di Alessandra Abbado, nel solco delle attività di musica per il sociale portate avanti dal padre, il celebre Claudio Abbado, dopo sette anni di attività, chiude come conseguenza della pandemia Covid-19.

Un'attività musicale e sociale rivolta alle persone più deboli,  bambini e adulti in situazione di difficoltà fisica e sociale, in ospedali e carceri.

Tra le tante attività realizzate, ricordo il Coro Papageno, formato dai detenuti della Casa Circondariale di Bologna, che si è esibito anche in Senato e in Vaticano, e il progetto Tamino che ha animato le corsie dei reparti pediatrici degli ospedali, con incontri di musicoterapia e laboratori terapeutici di canto e musica. Ricordo anche la collaborazione con Ezio Bosso.

Leggi tutto