"Bologna Città Medaglia d'Oro della Resistenza"?

Domanda d'attualità del consigliere Errani

Gentile Assessore Malagoli,

Scontri tra polizia e antagonisti in via Orfeo - dal web

in occasione della presentazione al Baraccano del libro su Sergio Ramelli, militante del Fronte della gioventù ucciso a Milano nel 1975, via Orfeo è stata chiusa e blindata fin dal primo pomeriggio. Una situazione surreale per i cittadini che si sono trovati di fronte ai blindati e a una strada inaccessibile, con scontri e cariche delle forze dell'ordine contro gli attivisti del Centro sociale Làbas. La competenza sulla sicurezza è naturalmente dello Stato attraverso le forze dell'ordine, ma le chiedo comunque una posizione politica rispetto a episodi di violenza che credo non debbano più accadere.

Anche la presidente del Quartiere Santo Stefano Rosa Amorevole aveva cercato una mediazione, chiedendo di spostare la presentazione del libro in una sala privata, considerando la presenza all'iniziativa di esponenti di Forza Nuova, Casapound e altre organizzazioni di estrema destra.

Non è sicuramente in discussione il diritto di esprimere liberamente il proprio pensiero, diritto sancito dalla nostra Costituzione, ma nell'ordinamento italiano l'apologia del fascismo è un reato previsto dalla legge.

Leggi tutto

Un “Patto per la Cirenaica”

Durante il mandato precedente, abbiamo approvato 27 POC di qualificazione diffusa, progetti che andranno a riqualificare 31 aree dismesse in città con l'obiettivo di migliorare l'ambiente, aumentare lo spazio pubblico per l'incontro e la partecipazione dei cittadini, e dare una risposta anche sociale realizzando anche alloggi di edilizia residenziale sociale.

Un “Patto per la Cirenaica”Il piano di qualificazione diffusa incentiva il recupero e la riqualificazione urbanistica finalizzati ad un minore consumo del suolo, al miglioramento ambientale e alla sicurezza degli edifici esistenti.

Uno dei progetti riguarda un'area di 8.600 mq dismessa e in obsolescenza nel rione Cirenaica del Quartiere San Vitale-San Donato, in via Libia 69-71. Il progetto prevede la creazione di alloggi (75%, il 15% delle unità destinato a edilizia residenziale sociale) e di spazi per piccole attività economiche e amministrative (12%) e di commercio in strutture di vicinato (13%), con contestuale realizzazione di un tratto di percorso ciclo-pedonale alberato e affiancato da un'area verde di 1.700 mq, l'apertura di un varco sotto al ponte di via Libia e la sistemazione del marciapiede su via Sabatucci.

Una recente inchiesta giornalistica del quotidiano La Repubblica ha denunciato la presenza di detriti fermi sotto il ponte di via Libia oramai da mesi e la volontà del costruttore di chiedere un cambio di destinazione d'uso con la richiesta di realizzare un supermercato.

Leggi tutto

Sull'aumento delle tariffe dell'acqua a Bologna

Gentile Assessore,
le chiedo una valutazione sulle motivazioni che hanno portato all'aumento delle tariffe dell'acqua a Bologna, più 8,5% in città. Come sono calcolate e ripartite per il bacino di Bologna?acqua

Atesir ha sottolinato come le nostre tariffe siano tra le più basse d'Europa e che occorre fare investimenti strutturali nel servizio idrico. È una scelta che mi sento di condividere, è importante migliorare la qualità dei servizi erogati ai cittadini bolognesi, investendo per il miglioramento del servizio idrico attraverso interventi diretti alla riduzione delle perdite (rinnovo reti, manutenzioni straordinarie, etc.) e per l'adeguamento degli impianti di depurazione, sulle captazioni e opere di tutela qualitativa della risorsa.

Temo però che il peso di ulteriori aumenti non aiuterà di certo i cittadini, in un momento storico in cui le aziende stanno chiudendo (e con loro la perdita di posti di lavoro e con questi gli stipendi che sostengono le famiglie). Viviamo in una fase storica in cui la maggioranza degli italiani e dei bolognesi è in grande difficoltà e il rischio è di affossare definitivamente le poche risorse della maggioranza dei cittadini.

Leggi tutto

Progetto di riqualificazione e semi pedonalizzazione di Piazza San Francesco

piazza san francesco bolognaConsiderando la preoccupazione dei cittadini per il rischio di un'eventuale riduzione del progetto di riqualificazione e semi pedonalizzazione di Piazza San Francesco, rispetto al progetto originale approvato nel 2014, chiedo al Sindaco e alla Giunta se verranno confermate:

  • le modalità di accesso riservate a residenti ed esercenti della piazza e l'installazione delle due telecamere in P.zza Malpighi e in via del Borghetto;
  • la completa realizzazione degli arredi urbani (sedute, giochi, fioriere, etc.).

Domani il Comitato SanFrancescoRespira promuove una manifestazione per chiedere che Piazza San Francesco diventi un luogo di incontro e di scambio, una piazza più bella e accogliente. Un luogo restituito alla socialità, alla convivialità, al passeggio e al gioco. Una piazza restituita ai cittadini.

Leggi tutto

Scadenza della convenzione per la gestione del Centro Socioculturale 'La Salara'

Domanda del consigliere Errani
Centro Socioculturale 'La Salara'Gentile Assessore,
considerata la scadenza della convenzione tra il Comune di Bologna e l'Associazione Arcigay Il Cassero per la gestione del Centro Socioculturale 'La Salara', in considerazione di quanto realizzato in questi anni, chiedo all'Amministrazione comunale come intende adoperarsi per dare continuità alle attività, azioni e progetti promossi dall'Associazione collegati al contrasto della violenza di genere e alla tutela e diffusione di una cultura aperta alle differenze di genere e di orientamento sessuale, eliminando progressivamente i potenziali fattori discriminatori.
Il Cassero è un circolo impegnato da oltre 30 anni nel riconoscimento dei diritti delle persone gay, lesbiche, bisessuali e trans. Credo utile ricordare la portata culturale del circolo: centro di documentazione, biblioteca, giornale, educazione, Gender Bender, etc. Ma esiste anche un livello forse ancora più importante, che molti ignorano, i servizi che il Cassero svolge in un ottica di sussidiarietà: la prevenzione sanitaria, il consultorio, il telefono amico, lo sportello legale, l'assistenza ai senza fissa dimora, etc. Tutti progetti in rete con i nostri servizi sociali e sanitari territoriali.
Questo è il punto centrale che credo debba essere presente nella prossima convenzione.

Risposta dell'Assessore Gambarelli
Gentile Consigliere, ho già in parte risposto a questa domanda con la risposta alla Consigliera Scarano. Ho però piacere che in questa sede venga ribadito un fatto fondamentale, cioè che i progetti organizzati dal Cassero si muovono fortemente in rete con i nostri servizi sociali e con i nostri servizi sanitari. Questo per quanto riguarda le attività di educazione, formazione, accoglienza affinché vengano garantiti i diritti delle persone. Per quanto riguarda invece le attività culturali come abbiamo già detto il Festival Gender Bender è una punta di diamante rispetto alle attività, rassegne e festival che la nostra città esprime.

Leggi tutto

Il diritto di cronaca?

Scontri durante lo sgombero dello stabile di via De Maria Foto Schicchi, il Resto del Carlino"Il diritto di cronaca? Non c'è!"
Queste le parole pronunciate da un carabiniere, riportate dalla stampa, durante lo sgombero dello stabile di via De Maria a Bologna martedì 11 ottobre.

Gentile Assessore,
l’Ordine dei giornalisti dell’Emilia-Romagna ha condannato il comportamento di quel Carabiniere che, di fronte al richiamo al diritto di cronaca effettuato da un giornalista dell’emittente Radio Città del Capo che voleva avvicinarsi alla zona dell’intervento per meglio documentare i fatti, ha risposto negando tale diritto. Stiamo parlando di un diritto Costituzionale.

Leggi tutto