XM24 e la città di Bologna

XM24 Bologna

Hanno sfilato in cinquemila per difendere Xm24, il centro sociale di via Fioravanti in Bolognina a rischio sgombero. In strada insegnanti, famiglie, contadini, artisti, bibliotecari, cittadini. Non solo attivisti del centro sociale, ma una vera festa di strada.

XM24 è un’esperienza di 17 anni di produzione culturale, condivisione dei saperi e socialità. Xm24 ha dichiarato di essere disponibile “a trovare soluzioni per continuare a far vivere l’esperienza anche altrove”, in un altro luogo.

Leggi tutto

Arvaia: cittadini coltivatori biologici

Arvaia: cittadini coltivatori biologiciUn nuovo modello di sviluppo, che parte dal basso e da cittadini che si mettono insieme, e da istituzioni che li sostengono. La storia della cooperativa di cittadini coltivatori biologici Arvaia e del Parco Città Campagna a Bologna insegna come sia possibile fare economia e creare lavoro, puntando su partecipazione, bene comune, sostenibilità, ambiente e salute.

La cooperativa Arvaia è la prima CSA (Community supported agricolture) in Italia, cittadini coltivatori biologici con in gestione 45 ettari di terreno pubblico. È stata fondata nel 2013 e oggi i soci sono più di 450 (la maggioranza donne): dalla semina al raccolto, la gestione del lavoro è collettiva e i prodotti sono destinati prevalentemente alla sussistenza dei soci stessi (una realtà di autoproduzione e consumo a Km 0).

Il terreno coltivato da Arvaia è quello del Parco Città Campagna, voluto dal Comune per preservare un tratto di territorio rurale di pregio nella pianura ovest della nostra città. Il progetto del parco è il risultato di un percorso partecipato che ha coinvolto le associazioni che da tempo animano con attività culturali, sociali e agricole, il territorio.

Leggi tutto

Scuola e 25 aprile

25 aprileSi deve rinunciare ad educare alla democrazia?
Un Onorevole del Parlamento Italiano ed un Consigliere comunale di Bologna hanno deplorato la partecipazione delle maestre e dei bambini della Scuola dell'Infanzia Don Milani alla commemorazione che ogni anno, nella ricorrenza del 25 Aprile, viene organizzata presso il cippo dedicato alla partigiana Adalgisa Gallerani (nome di battaglia Tosca). Il cippo che, eretto nel parco omonimo a pochi passi dalla scuola, nel 2009 venne imbrattato con una svastica.

Leggi tutto

Il muro è stato abbattuto

Stefano CucchiIl 22 ottobre 2009 moriva Stefano Cucchi, un ragazzo romano di 31 anni, mentre era agli arresti.
Oggi sappiamo che Stefano è stato oggetto di un pestaggio: è stato sottoposto ad abusi e violenze.

Non è accettabile che un cittadino entri in questura vivo e ne esca morto. Lo Stato, la nostra comunità, non deve essere più macchiato da atti commessi da persone non degne di rappresentarlo.

Ho visto il film “Sulla mia pelle”, la storia di Stefano, grazie alla battaglia promossa dalla sorella Ilaria Cucchi sugli abusi delle forze dell’ordine. Ilaria in questi dieci anni si è battuta per chiedere allo Stato di fare il proprio dovere, non ha chiesto vendetta ma giustizia per Stefano. Giustizia e dignità per tutti noi.