Amelia Frascaroli | Francesco Errani e ... Bologna

Carissima/o ti invito alla Libreria delle Moline mercoledì 4 maggio ore 20:45.
Rifletteremo insieme per un progetto di città, in una logica di ricomposizione del centrosinistra, provando a capire cosa (e come) il Comune può fare in concreto per lo sviluppo locale di Bologna. A presto, Francesco

10 domande al candidato

1. Come mantenere e possibilmente migliorare il servizio scolastico per i nostri figli con le risorse esistenti, anche in rapporto alle scuole paritarie gestite da privati?

Il Comune si occupa soprattutto di Nidi e Materne. Su questi i tre elementi fondamentali sono: le richieste (250 sono quelle inevase per i nidi), la qualità dei servizi erogati, i costi per bambino.
Sulle richieste credo che il posto al nido sia un diritto a Bologna. Per ottenere questo risultato è necessario adottare tutti gli strumenti utilizzabili, tuttavia in primis è il Comune che si deve fare carico della gestione dei nidi, partendo dalla qualità che negli anni è stato in grado di produrre. Solo dopo, chiedere l’intervento dei privati.
Sull’offerta per incontrare i bisogni della domanda: apertura durante i mesi estivi e negli orari di lavoro dei genitori, sussidiarietà con associazioni e altri operatori del territorio senza dimenticare che lo scopo degli asili e delle materne è la socializzazione con gli altri e soprattutto la necessità d’instaurare un rapporto equilibrato e sano con la famiglia. In questo senso ben vengano attività come quelle dei centri gioco, delle sezioni primavera, dei gruppi educativi e dei nidi domiciliari.

 

Leggi tutto