Ricadute della manovra finanziaria

manovra economica Consiglio comunale straordinario 26 settembre 2011

Intervento del Consigliere PD Francesco Errani

CONSIGLIO COMUNALE STRAORDINARIO

Ringrazio gli Assessori presenti, ringrazio anche e soprattutto le parti sociali che sono intervenute questa mattina. È stata un'occasione di riflessione ma anche di proposte. Ci siamo chiesti, abbiamo chiesto loro di capire cosa può fare il Comune rispetto alle sue competenze. Io credo che le parole chiave in questo momento siano due, quella che abbiamo ascoltato di più in questi giorni che è la parola recessione, è una parola che fa paura, che rischia di immobilizzare un Paese e anche una città. È una parola che ti costringe a pensare solo in termini di tagli o di tariffe. La manovra, lo abbiamo detto, ha un costo enorme. Chi rischia di pagarne il conto è il cittadino, l'impiegato, il piccolo commerciante, la famiglia, i giovani e soprattutto chi è più debole.
Ricordava il collega Pieralisi la puntata di ieri sera di Iacona Presa diretta. Descrive un Paese in difficoltà, dove aumentano le disuguaglianze, un Paese pieno di fratture economiche, sociali, territoriali. Sono immagini terribili, difficili da accettare, soprattutto per chi vuole fare politica, ma è una motivazione in più per provare insieme a trovare delle soluzioni. In Emilia Romagna, a Bologna, dobbiamo però raccontare un'altra storia. l'Emilia Romagna è una Regione ricca perché storicamente ha investito nel welfare. Ha fatto questa scelta a differenza di altre Regioni. Ha investito nel welfare sapendo, prima il collega parlava di coesione sociale, che questo era un vantaggio per tutti. Pensando ai nidi e legandoli all'occupazione femminile, investendo nella scuola e quindi nell'apprendimento, nella possibilità di crescita per i giovani, pensando e immaginando una società non di sudditi, non di dipendenti, come abbiamo visto ieri sera, ma una società di cittadini attivi in grado di poter dare un contributo. Voglio anche io ricordare e sottolineare la questione dei giovani. L'Ocse ci dice che questo non è un Paese per giovani. Sono precari metà dei giovani; uno su tre è disoccupato. Dobbiamo anche dirci che i giovani precari sono ormai già vecchi, perché sono quarantenni. Dobbiamo dirci che i giovani ricercatori sono già vecchi e dobbiamo dirci che il laureato oggi con un master rischia di dover fare un colloquio per un call center. Questo è umiliante. È umiliante per una generazione che desidera dare un contributo. Dobbiamo sapere che questi sono i nostri figli, i nostri nipoti. E una politica che non ha attenzione verso i giovani, è una politica che non ha attenzione verso il futuro del Paese.

Leggi tutto

474 grazie ..

Grazie grazie grazie... 474 grazie!

Cominciamo a riprenderci dalla lunga notte elettorale. Gli sforzi sono stati grandi e i risultati sono arrivati!

Sono eletto in Consiglio comunale con 474 preferenze. 17° dei 36 consiglieri Pd (ultimo degli eletti...) e senza un supporto diretto del partito, contando solo sul nostro coraggio e la forza delle nostre idee. Un risultato incredibile, impensabile solo fino a poco tempo fa.

A Bologna Virginio è il nuovo Sindaco (50,46%) anche grazie all'ottimo risultato di Amelia (10,24%), ma le belle notizie arrivano anche da Torino e soprattutto Milano. Segno che una campagna elettorale fatta sulla qualità delle persone e sulla credibilità di un modo nuovo di fare politica, alternativo alla destra berlusconiana, è la strada giusta.

Una giornata che permette finalmente di guardare con ottimismo al futuro, dopo tanto tempo.

Devo ringraziare i tanti che ci hanno messo anima e cuore, passione e competenze. E' stata una grande corsa piena di coraggio e ora non dobbiamo fermarci. Dobbiamo ripagare con impegno e coerenza il grande sforzo di partecipazione che è stato fatto. Sento una grande responsabilità ma ho fiducia perchè non sarò da solo.

Nei prossimi giorni penso a un momento per vedersi e festeggiare insieme. Vi farò sapere a breve.

Grazie ancora a tutte/i e grazie al numero 17.

A prestissimo, Francesco

Festa... in comune

Come votare Errani

Carissima/o, ti scrivo un'ultima volta (oppure se non è così ancora una volta) per invitarti venerdì 13 maggio ad una "festa-aperitivo" per festeggiare insieme la fine della campagna elettorale.

É stata una campagna elettorale all'insegna della partecipazione e dell'entusiasmo soprattutto da parte di tutti coloro che mi hanno sostenuto, aiutato, dato suggerimenti e contributi. Si è costituita una rete, fatta di giovani e non solo, di persone attive dentro e fuori i partiti. Devo ringraziare i tanti che ci hanno messo anima e cuore, nell'organizzare, telefonare, volantinare, spiegare... insomma, è stata una grande corsa piena di coraggio.

Ora non dobbiamo fermarci perché i problemi di Bologna sono tanti come tante sono le risorse. Bologna non è in declino ma molto si deve fare per ritrovare quella spinta innovativa e solidale che tanto l'ha caratterizzata.

Se puoi, ti aspetto venerdì 13 maggio dalle 18.00 in via Capo di Lucca 12/a.
Ciao, Francesco

I numeri della campagna elettorale di Francesco ERRANI… in Comune
Siamo partiti venerdì 8 aprile in via Capo di Lucca e chiudiamo il 13 maggio, sempre a Capo di Lucca. I numeri della campagna: 1 banchetto in piazza
1 cena di solidarietà
2 incontri tematici con operatori del mondo socio-educativo
2 merende al parco con i bimbi
2 aperitivi con e per i giovani
4 visite presso strutture e realtà del mondo socio-educativo
4 incontri pubblici sui temi del lavoro, scuola e sociale…. e una festa!
14 incontri "Casa Aperta" ovvero i cittadini incontrano Francesco Tante gli incontri e altrettante le emozioni. La speranza è di vincere al primo turno ma soprattutto di cambiare Bologna!