• Home
  • Cosa ho fatto
  • Interrogazioni

Una sede per il Nido De Giovanni

Interrogazione sul Nuovo contratto di locazione per il Nido De Giovanni presentata dal consigliere Francesco Errani in data 25 ottobre 2013

Al Direttore Generale
del Comune di Bologna

INTERROGAZIONE

Il sottoscritto Consigliere Comunale Francesco Errani, relativamente alla stipula del nuovo contratto di locazione per i locali dell'attuale sede del Nido De Giovanni, in viale Filopanti n.6

Interroga per conoscere

–  i motivi che non permettono la stipula del nuovo contratto di locazione con INPDAP/INP, alla luce anche della recente legge (Decreto Legge 6 luglio 2012, n.95) che consente agli enti locali una riduzione del 15% del canone di locazione (l'adeguamento istat inoltre non è dovuto);

–  quali interventi l'Amministrazione comunale intende intraprendere per stipulare il nuovo contratto di locazione così da permettere al personale e ai genitori di affrontare quotidianamente la vita del nido con la maggiore serenità possibile.

F. Errani


 la risposta

Al Gruppo Consiliare Partito Democratico
Francesco Errani

e p.c.
Vice Sindaco
Silvia Giannini

Direttore Generale Dott.
Giacomo Capuzzimati

Segretario Generale Dott.
 Luca Uguccioni

Capo Dipartimento Ing.
Claudio Paltrinieri

Capo di Gabinetto
Giuliano Barigazzi

Loro Sedi

Rif. Direzione n. 2639,1/2013
Bologna, 3 dicembre 2013

Oggetto: Interrogazione PG n. 275227/2013 sul nuovo contratto di locazione per i locali dell’attuale sede del NIDO DE GIOVANNI, presentata dal Consigliere Errani in data 25 ottobre 2013,

Il contratto di locazione con INPDAP sul nido DE GIOVANNI è scaduto il 31/12/2009; l’ultimo canone che stiamo corrispondendo in indennità di occupazione è di Euro/anno 45.800 circa. Il Settore Patrimonio ha avviato trattative con la proprietà, la quale ha proposto un rinnovo ad Euro/anno 68.340 oltre al 15,69% per l’uso dell’area esterna di proprietà del Condominio. Il Comune di Bologna, in data 27/1/2011 ha trasmesso nuova proposta per Euro/anno 68.340 omnicomprensivi, non ottenendo risposta.
Nel frattempo le trattative si sono rallentate in attesa della conferma da parte del Settore Istruzione della necessità di detto rinnovo, molto oneroso per i bilanci comunali. La Legge Finanziaria 228/2012 ha bloccato per gli enti locali il rinnovo, l’acquisizione in locazione di beni, fino a tutto il 2014, salvo la possibilità di mantenere inalterate le condizioni nel caso di rinnovi o di ottenere condizioni migliorative nel caso di nuove locazioni. Quanto sopra è stato comunicato a INPS (subentrata ad INPDAP) e si resta in attesa di un loro riscontro.

Il Direttore Settore Patrimonio
Ing. Raffaela Bruni