Question Time, Qualità dell’aria e polveri sottili (PM10)

L'assessore Valentina Orioli ha risposto alla domanda d'attualità del consigliere Francesco Errani (Partito Democratico) sullo sforamento dei limiti di legge di polveri sottili (PM10) registrati a Bologna nel 2017 (40 giorni) e nei primi giorni del 2018 (3gg), ovvero oltre il livello guardia.

La domanda di attualità del Consigliere Errani.

Gentile Assessore, è allerta smog e inquinamento dell’aria in tutto il Nord Italia. E più precisamente nelle quattro regioni del bacino padano: Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto: la zona della Pianura Padana è forse la più inquinata del continente.
Cosa possiamo fare a livello locale per combattere l’inquinamento? Quali sono le iniziative che il Comune di Bologna intende intraprendere per contrastare l’inquinamento e i livelli delle polveri sottili (PM10), per favorire una politica e interventi a tutela dell’ambiente e della nostra salute?

Leggi tutto

Accoglienza dopo il carcere: la Curia investe 1 ML di euro nella casa per ex detenuti

Il vescovo Matteo Zuppi continua a investire nella carità, grazie ai proventi della Faac, con un’attenzione ai bisogni che emergono dalla nostra comunità. Il nuovo progetto prevede la ristrutturazione integrale di un vecchio immobile di via del Tuscolano, Matteo Zuppizona Corticella, che sarà adibito a struttura con finalità sociali: una volta terminato il recupero, sarà destinato al reinserimento sociale anche degli ex detenuti una volta terminata la pena in carcere.

Il carcere non dovrebbe infatti punire, ma rieducare. La Costituzione della Repubblica Italiana afferma il principio che la pena ha fini di recupero e di reinserimento sociale.

La situazione del sistema carcerario italiano, di fronte al sovraffollamento e al calo di risorse, è drammatico. All'interno della Casa Circondariale di Bologna, la capienza di 489 detenuti è abbondantemente superata dalle 773 presenze (di cui 79 donne e 428 stranieri). Il personale di Polizia Penitenziaria è sempre meno, come anche gli educatori in servizio.

Leggi tutto

Le biblioteche comunali sono un bene pubblico

Le biblioteche sono un servizio pubblico essenziale: sono luoghi di umanità, cultura, educazione e relazione sociale. Una città deve, prima di tutto, occuparsi di educazione e le nostre biblioteche (come anche i musei) possono aiutare i bimbi delle nostre scuole a imparare a fare ricerca, a formare un pensiero critico.

Biblioteca Lame MalservisiIn questi anni abbiamo mantenuto la gratuità dei laboratori e delle attività didattiche ed educative per i bambini e le bambine delle nostre scuole, nonostante le difficoltà legate alla carenza e al turnover del personale. Nel 2017, 4.250 classi hanno frequentato le attività dei musei (450 in più rispetto al 2016), sono state 400 le proposte di promozione alla lettura delle biblioteche, 10.000 gli studenti che hanno partecipato all’attività della Cineteca e 350 gli insegnanti alle giornate di formazione. Per la prima volta, da quest’anno non i lettori ma i libri si muovono su tutto il territorio metropolitano grazie al Sistema Bibliotecario Metropolitano.

Leggi tutto

3 di 13.900 Via libera all'approvazione del Bilancio 2018-2020 del Comune di Bologna

Oggi approviamo il bilancio del Comune di Bologna: tutte le politiche (su scuola, cultura, welfare, ambiente, economia, mobilità, sport, etc.), tutti gli interventi e decisioni del Sindaco, della Giunta e del Consiglio comunale di Bologna dovranno avere come priorità la lotta alle povertà.

Penso che in termini di razionalizzazione dei costi di struttura sia stato fatto il possibile per “unificare” ed “ottimizzare”, come anche per la gestione informatizzata, e continua la riqualificazione e controllo della spesa. Credo quindi giusto riconoscere all’Assessore al Bilancio Davide Conte e ai tecnici del Comune di Bologna il lavoro e la qualità dimostrata.

Credo anche importante cogliere la sfida proposta oggi dall’Assessore Conte, costituita dal primo bilancio della storia del Comune di Bologna centrato sullo “Sviluppo sostenibile della nostra città”.
Un’idea di sviluppo centrata sui Goals delle Nazioni Unite, che può diventare un riferimento anche per tutta la città. È una sfida importante, innovativa.

Nel bilancio 2018 sono 18 i milioni di euro di investimento per il piano di riqualificazione delle periferie. Maggiori risorse anche su scuola (2,2 ML), servizi socio-assistenziali (1,9ML), cultura (0,5ML), mobilità (1,1ML) e ambiente (3,8ML).

Sono risorse che rispondono alla necessità di una priorità di investimento da parte del Comune per ridurre le disuguaglianze di opportunità e per uno sviluppo sostenibile, dal punto di vista culturale, sociale e ambientale.

Leggi tutto

Appalti Pubblici

Gare al massimo ribasso, Bologna deve cambiare strada.

Le gare d’appalto con competizione al ribasso, soprattutto nei servizi sociali, educativi e culturali, con risposte a basso costo che comportano il rischio di precarizzazione e dequalificazione del lavoro, sono una prospettiva disastrosa. Dobbiamo promuovere invece gare centrate su criteri qualitativi. Dobbiamo chiedere di garantire qualità e trasparenza.

Il Consiglio comunale ha approvato la mia proposta: i servizi sociali, educativi e culturali devono essere centrati sulla persona e il bene comune: è importante disincentivare ribassi e promuovere la qualità dei progetti. Il welfare non è un pezzo di mercato da conquistare e i servizi sociali, educativi, culturali sono una spesa utile.

 

OdG 420 14 Appalti Pubblici OdG 420 14 Appalti Pubblici